Seleziona una pagina

MAC

L’ accademia MAC – urban dance education – è basata sulla crescita coordinativa e tecnica degli allievi.

Ogni insegnante presterà attenzione in particolar modo a questi due fattori, che costruiscono solide basi per l’ingresso in Accademia negli  anni successivi.

La preaccademia vedrà allievi per lo più teenagers, impegnati ancora nelle scuole. Di conseguenza il carico di lavoro non dovrà mai superare quello scolastico, per evitare stress eccessivi e salvaguardare lo stato di spensieratezza che a quell’età bisogna conservare. Ritrovare ragazzi con crisi esistenziali è dannoso per tutti, tanto per gli allievi quanto per gli insegnanti che non potrebbero svolgere al meglio il loro lavoro.

Gli impegni extra-palinsesto saranno perciò limitati, sempre discussi con la direzione; la nostra filosofia: poche cose, ma al meglio!

PROGRAMMAZIONE ANNO

L’anno accademico sarà strutturato in DUE periodi di QUATTRO mesi ciascuno, con un obbiettivo finale prefissato per ciascun quadrimestre.

Il PRIMO quadrimestre (Ott, Nov, Dic,Genn) sarà improntato soprattutto sulla preparazione fisica e tecnica degli allievi, il secondo (Febb, Mar, Apr, Magg) più dedicato a tecnica e coreografia, oltre che all’esame di fine anno.

La preparazione fisica e tecnica sarà essenziale nella prima parte dell’anno (tiglierei questo pezzettino in corsivo) per formare una base solida utile per affrontare un anno impegnativo: gli allievi miglioreranno forza, agilità ed elasticità nel periodo in cui il fisico, essendo più fresco, potrà reagire al meglio agli stimoli e ai carichi.

Spingere il corpo a superare i propri limiti durante il  periodo finale dell’anno anno provocherebbe sia scarsa efficienza tecnica, sia INFORTUNI.

Al termine di questo quadrimestre sarà consegnata una PAGELLA, che riporterà per ogni materia due voti: Livello Atletico e Livello Tecnico, con lo scopo di  indicare il punto di efficienza fisica e di destrezza  raggiunti.

Il secondo quadrimestre si basa ancora sul lavoro tecnico, con l’aggiunta del coreografico.

I ragazzi dovranno consolidare le tecniche di base imparate nel primo quadrimestre, iniziando a inserire variazioni, per entrare nel concetto di freestyle. Di pari passo inizia il lavoro coreografico, con attenzione già dai primi tempi alle tematiche dello spettacolo di fine anno.

Il lavoro coreografico subentra a Gennaio per non rallentare quello tecnico e atletico dei primi mesi.

Obiettivo finale di questo quadrimestre sarà la partecipazione ad un contest freestyle di almeno due tra le discipline studiate.

Durante questi mesi sarà programmata la GITA (davvero la chiamate così??), alla quale gli allievi di MAC potranno partecipare.

L’ultimo periodo sarà caratterizzato dal lavoro coreografico, con obbiettivo la messa in scena dello spettacolo finale ed eventualmente la gara coreografica estiva (solo nel caso in cui non intacchi la buona riuscita del saggio, che avrà sempre la precedenza).

Le gare e/o qualsiasi altro impegno extra-curriculare saranno sempre ben accette e saranno a discrezione di ogni insegnante di materia, ma con costante attenzione rivolta al morale dei ragazzi e al carico totale di lavoro che di periodo in periodo avranno. Tutto è costruttivo, finchè non diventa distruttivo.

A tal proposito, la preparazione di contest coreografici o freestyle non deve mai contrastare o rallentare il lavoro accademico, che ha comunque la precedenza. Ogni allievo sarà sempre lasciato libero nelle proprie scelte e a nessuno verrà mai proibito di partecipare ai vari eventi, purché si organizzi e prepari senza privare spazio e/o tempo alla classe. Per questi motivi le assenze a lezione non saranno giustificate, patto avvertimento per tempo e giuste cause.

Durante l’anno, qualora l’ insegnante volesse far partecipare gli allievi ad eventi di qualsiasi tipo, dovrà comunicarlo per tempo alla direzione artistica per confrontarsi ed eventualmente portare le modifiche al palinsesto, necessarie nel rispetto delle altre materie.

A Maggio si svolgeranno gli ESAMI, durante i quali gli insegnanti monteranno una coreografia che gli allievi dovranno imparare ed eseguire in sede di valutazione, in modo da testare la velocità d’ apprendimento raggiunta. Potranno in oltre fare domante teoriche e/o chiedere delle dimostrazioni coreografiche già previste nel lavoro del saggio. Nella pagella ci sarà un voto unico finale e un appunto discorsivo.

L’impegno settimanale di MAC sarà suddiviso in 3 giorni da 3 ore ciascuno (Lunedì, Mercoledì, Venerdì dalle 16,15 alle 19,15).

Gli insegnanti saranno tenuti a rispettare gli orari senza sforare e ogni richiesta di tempo aggiuntivo dovrà essere comunicata in anticipo sia alla direzione che all’insegnante che viene privato del suo spazio.

Al termine delle lezioni i ragazzi potranno arbitrariamente scegliere di frequentare i corsi amatoriali , ricordando sempre che le ore di lezione dell’accademia hanno la precedenza e non devono subire ritardi o stanchezze derivanti dal carico aggiunto.

MAC si sviluppa su due concetti: portare gli allievi più deboli al livello dei più forti, e mantenere sempre su tutti lo stesso grado di preferenza… non esistono allievi di prima e seconda fascia.

Ogni materia ha una cattedra, l’insegnante che la presiede dovrà comunicare eventuali sue assenze e rimediare, mandando un sostituto di fiducia che indicherà alla direzione.

SIAMO A TUA DISPOSIZIONE!

1 + 13 =

DOVE TROVARCI

MOMA STUDIOS MILANO

Via Lattuada Serviliano 26 – 20135 Milano

+39 02.55195128

milano@momastudios.it

WhatsApp +39 393.8821904

moma studios milano